Segnala concorso | Segnala mostra/evento | Segnala corsi| Newsletter | Contatti | FAQ

App | Software | Azioni Photoshop / Lightroom | Siti web | Guide fotografiche | Glossario illustrato

Guide e Tutorial

7 consigli per le foto da pubblicare su Instagram

Ormai è sotto gli occhi di tutti: Instagram è il social network del momento, il più popolare quello dove gli utenti crescono a ritmo vertiginoso.

Ha senza dubbio scalzato Facebook nella pratica di molti internauti e siccome è basato sulla fotografia il numero di gente che chiede consigli su come scattare belle foto è aumentato vertiginosamente.

Vediamo quindi in questa breve guida come fare belle foto da postare su Instagram in 7 mosse.

Mettiamo subito in chiaro un po’di cose: non servono attrezzature superprofessionali, si seguono molte delle regole che si adottano per la fotografia “normale” e anche se parliamo di regole, si tratta più che altro di suggerimenti; alla fine  quello che conta è la creatività!!!

Ma non perdiamoci in chiacchiere e partiamo!!!

1. Date il giusto spazio al soggetto

Al soggetto va dato il giusto risalto ed essendo il protagonista dello scatto, va collocato in modo tale che occupi una buona porzione del fotogramma! Quindi decidete bene su chi debba essere incentrato lo scatto e dategli il giusto spazio.

Se per esempio volete farvi un ritratto davanti ad una chiesa monumentale, non addossatevi ad essa, ma venite avanti fino ad occupare buona parte dell’immagine. Diversamente, il soggetto dell’immagine risulterebbe il monumento e non voi perché risulterete minuscoli. Se fotografate un fiore, avvicinatevi quanto più possibile e fatelo risaltare su tutto il resto.

2. Schiena dritta!!!

Ammenoché non stiate ricercando un effetto particolare scattate tenendo il cellulare dritto in modo che l’orizzonte e il vostro soggetto non risultino inclinati. Ci vuole solo un po’ di attenzione ma in caso d’errore si può provare a correggere la foto  ruotandola in postproduzione con un programma o un'app per il fotoritocco. Ne parleremo meglio dopo.

3. La regola dei terzi

La regola dei terzi (detta anche dei due terzi) è considerata un po’ alla base della composizione fotografica ed è applicata in tutti i generi fotografici. È una regola di composizione che consiste nel dividere il fotogramma in 9 parti uguali utilizzando due line parallele equidistanti orizzontali e due verticali. Il soggetto principale andrà collocato in corrispondenza di queste linee o in uno dei quattro punti risultanti dall’intersezione delle quattro rette (detti “punti nodali”).

Un paesaggio con un albero, per esempio, vedrà la linea dell’orizzonte collocata su una delle linee orizzontali e l’albero su una di quelle verticali!

 

4. Controllate bordi e sfondo. In poche parole, la cura dei particolari.

Prima di scattare, è sempre bene dare una controllatina ai bordi dell’immagine. Non c’è niente di più comune nelle fotografie poco curate di tagli involontari, brutti e inappropriati: teste mozzate e arti mutilati sono un classico dei principianti. Se proprio non volete riprendere una persona per intero, tagliate sopra le ginocchia o all’altezza del petto.

E poi dai bordi passate a ispezionate tutto il fotogramma in particolare la zona alle spalle del soggetto. Bisogna evitare che alle spalle del soggetto  ci siano oggetti come pali, rami o elementi di qualsiasi sorta che sembrino spuntare dalla testa dei vostri soggetti come delle corna! È un altro errore molto comune ma è veramente semplice da evitare; basta solo un po’ d’attenzione.

Dimenticavo: oggi molti cellulari permettono di sfocare lo sfondo alle spalle del soggetto. Soprattutto nei ritratti, fatelo. E’ una funzione che può fare la differenza.

5. Le luci

Attenzione alle luci. E’ semplicissimo. È preferibile utilizzare la luce naturale piuttosto che quella artificiale ed è sempre fondamentale fare attenzione al modo in cui la luce colpisce il soggetto: cercate di fotografare senza che il sole o la fonte di luce principale si trovi dietro il soggetto. 

Non usate il flash di notte, sperando che illumini tutta la scena; il flash illuminerà (forse) solo i soggetti più vicini lasciando il resto al buio. Il risultato, in genere, è comunque terribile. In alcuni casi è meglio disinserire il flash, appoggiare il telefono su un supporto stabile e scattare.

6. Solo il meglio: 3 su 360

Quando si utilizzava la pellicola, si usava la regola del “3 su 36” ossia si soleva scegliere per il proprio portfolio solo 3 scatti in un rullino che ne conteneva 36;  gli altri venivano cestinati. In altre parole: scattate pure quanto volete, ma siate spietati nella scelta delle foto da pubblicare: solo le più belle, solo le più riuscite, solo quelle che vi rappresentano davvero. Instagram, così come tutto il web è pieno di foto non curate e inutili: non aggiungete le vostre. Solo il meglio: 3 su 360 scatti.

7. Non esitate ad utilizzare un'app

Infine, prima di pubblicare, utilizzate un programma di fotoritocco per migliorare l’immagine. Tranquilli, non state barando: il fotoritocco esiste da sempre, da molto prima di Photoshop. Se non volete utilizzare programmi complessi e costosi scaricate qualche app collaudata come Snapseed. Per cominciare limitatevi a questo: migliorate un po’ la saturazione dei colori (senza esagerare), ruotate l’immagine se l’orizzonte non è dritto e magari ritagliate l’immagine per dare più risalto al vostro soggetto. Basta fare questo per migliorare tantissimo.

Guide fotografiche

Guide e Tutorial

Vai alla versione stampabile di questo documento